Salta al contenuto
Rss




Chiesa Parrocchiale di San Nicolao

immagine ingrandita Chiesa Parrocchiale di San Nicolao - Vista Campanile (apre in nuova finestra) Grande fu il fascino che la figura di San Nicola esercitò in Oriente e in Occidente. Una devozione popolare testimoniata dal sorgere di numerose chiese dedicate a questo santo. La diffusione del culto di S. Nicola lambì anche le case arroccate sul fianco della montagna, a riparo da un torrente impetuoso, di un piccolo borgo dell' Ossola: Ornavasso.
I documenti d'archivio non riportano notizie circa l'antica chiesa parrocchiale e la sua dedicazione.
Sembra comunque certo che la chiesa parrocchiale costruita mentre era parroco Giovanni Antonio Porta, fra il 1542 e il 1587, fosse l'ampliamento di una chiesa preesistente.
Osservando l'edificio, inoltre, si può, con una certa sicurezza, riconoscere nel locale attiguo all'altare di S. Antonio Abate, a lato del campanile, l'antica sacrestia, infatti la tradizione vuole che l'antica chiesa fosse dedicata a S. Antonio Abate.
Ad Ornavasso il culto di S. Antonio Abate è certamente antichissimo, come dimostra la statua lignea in suo onore .
immagine ingrandita Chiesa Parrocchiale di San Nicolao - Vista Campanile (apre in nuova finestra) Questa statua, che un tempo si trovava in una cappella a Casalecchio, antico insediamento sui monti di Ornavasso, è oggi conservata nel museo parrocchiale.
Anche la devozione per S. Nicola ha tuttavia un'origine antica ed è sicuramente anteriore al 1542.
Intorno alle ragioni di questa dedicazione la tradizione orale ha ricamato la propria storia.
Si tramanda che un ornavassese della famiglia Ronchi durante una crociata in Terra Santa, colpito in mare dalla tempesta, abbia invocato l'aiuto di S. Nicola e sia così riuscito a scampare al naufragio.
A ricordo di questo prodigioso evento, i nipoti iniziarono la costruzione della nuova chiesa e la dedicarono al santo di Mira.
L'ampiezza a S. Nicola è testimoniata dalla presenza nella chiesa da numerosi dipinti, validi esempi dell'iconografia del Santo.
Percorrendo le strade di Ornavasso la chiesa parrocchiale si sottrae continuamente agli sguardi, si nasconde fra i tetti, volge le spalle al paese e solo all'ultimo si lascia ammirare in tutto il suo splendore.Viene allora spontaneo domandarsi perchè la parrocchiale sia stata costruita lassù, lontana dal centro attuale.
immagine ingrandita Chiesa Parrocchiale di San Nicolao - Vista Complesso (apre in nuova finestra) In quegli anni la posizione elevata rappresentava la migliore garanzia di difesa dalle incursioni nemiche e dalle disastrose inondazioni del torrente S. Carlo, che dilaga con la sua forza distruttrice in tutta la sua pianura. E inoltre quella zona era la più riparata dai venti che soffiavano dalla valle.
Là si svilupparono l'antico centro abitato e le terrazze di pietra, le così dette roncature, che rendevano coltivabile il pendio.
In quella zona si trovano oggi alcune delle case più antiche del paese e un tempo sorgevano gli edifici del potere pubblico: il municipio, il castello, la piazza pubblica.
Questo era il cuore del paese: il centro della vita religiosa e politica.
La partecipazione dei laici alla vita religiosa e all'amministrazione dei beni ecclesiastici fu, fin dai tempi remoti, originali ed intensa. La "congregazione generale" di S. Martino era uno dei momenti principali in cui la comunità, riunita nell'assemblea degli uomini, espimeva la propria volontà collettiva, rivendicando diritti nei confronti del parroco e della sua elezione. Un privilegio questo certamente inviso all'autorità vescovile, che si vedeva scavalcata dall'autorità arbitraria, liberamente espressa, dalla collettività.
immagine ingrandita Chiesa Parrocchiale di San Nicolao - Vista dal basso (apre in nuova finestra) Lo stesso Don Antonio Porta, ornavassese e curato di questo borgo, per un certo periodo, fu cassato da parroco due volte nell'assemblea di S. Martino.
Addiritura nel 1575, venivano abrogati agli antichi statuti che contenevano norme che impedivano di lasciare beni ai preti e alle chiese. Era inoltre permesso tuffare nell'acqua dei canali l'infelice prete che fosse stato sorpreso in casa o in intima conversazione con donne di mala vita.
La confraternita fu vitale espressione della tendenza all'aggregazione e all'unione, tipica di tutta la società medioevale. Un esempio è la confraternita di S. Marta che aveva sede nell'oratorio ricavato sotto il presbiterio della parrocchiale, sfruttando il vuoto creato dal ripido scoscedimento del terreno.
Nelle confraternite di Ornavasso confluì essenzialmente la pietà devozionalistica dei fedeli, caratterizzata da un accesso tradizionalismo e da un costante spirito di autonomia e di partecipazione laica.

Clicca sull'anteprima per visualizzare le immagini ingrandite




Inizio Pagina Comune di ORNAVASSO (VB) - Sito Ufficiale
Piazza del Municipio n.10 - 28877 ORNAVASSO (VB) - Italy
Tel. (+39)0323.838300 - Fax (+39)0323.836494
Codice Fiscale: 00278890033 - Partita IVA: 00278890033
EMail: segreteria@ornavasso.it
Posta Elettronica Certificata: comune.ornavasso@legalmail.it
Web: http://www.comune.ornavasso.vb.it


|