vai al contenuto. vai al menu principale.

Il comune di Ornavasso appartiene a: Regione Piemonte - Provincia del Verbano Cusio Ossola

Cenni Storici

Le Necropoli di Ornavasso

Tre Culture

Dai numerosi reperti recuperati durangli scavi in tre fasi successive vennero alla luce vari stili e tendenze che si potrebbe dedurre che esse siano catalogate come tre differenti civiltà? In realtà la collocazione è difficile individuarla se non in un contesto locale influenzato dalle vicinanze celtiche di La Tène e la civiltà di Golasecca.
A) Celtica :sono gli oggetti ornamentali, di bronzo argento, ferro e in pasta vitrea, le armi e molti utensili.
B) Italica: sono le situle in bronzo, di media grandezza, oggeti di pregio destinati a personaggi elevati, o per riti iniziatici, molto ricercati, una situla (senza coperchio) venne ritrovata in un tumulo a nord della provincia del Bramante, databile al VII secolo a.C., terracotte a vernice nera e rossa a parete sottile, molto usata negli scambi con gli Etruschi.
C) locali: una parte del vasellame in terracotta di uso quotidiano, vasi a trottola, olle, urnette, tegami.


La Struttura Sociale

Dalle analisi dei corredi e della distribuzione topografica delle tombe, emerge una struttura sociale caratterizzata da una notevole articolazione interna.
La "città dei morti" ci suggerisce come poteva essere organizzata la "città dei vivi".
L'analisi è stata condotta dalla dott.essa Paola Piana Agostinetti su un totale di 175 tombe delle necropli di S.Bernardo che pare che abbia un sviluppo cronologico di non più di un secolo.
Gli antichi abitanti di Ornavasso si differenziavano sulla base dell'età, del genere, del ruolo sociale svolto e del prestigio acquisto.
La Necropoli di s.Bernardo era organizzata in "quartieri"distinti che corrispondono a gruppi sociali:
a) un ceto sociale preminente con una maggiore con una maggiore disponibilità di beni rispetto ad altri e tombe più ricche. Si raggruppa a sud-ovest della necropoli, attorno all'oratorio di S.Bernardo.
b) un ceto intermedio, tombe maschili con spada ma senza vasellame di metallo e tombe femminili con offerte in argento.
c) un ceto inferiore, scarso numero di oggetti di corredo e assenza di quelli di prestigio.
Mentre i primi due gruppi sembrano essere stati legati all'allevamento del bestiame, cesoie per la tosatura degli ovini, un terzo gruppo sembre essere stato legato al taglio e allo sfruttamento del legname tombe con ascie e roncole.
Questi rimangono ipotesi di un insiedamento agricolo pastorale, anche essendo distinti di centri di ceti superiori, tuttavia sin quando non sarà scoperto un consistente centro abitativo e non sia stato scoperto il tumulo del nobile, in questo caso di un re o condottiero e di un tempio, pare strano che fosse una società priva di riferimenti mitologici, tuttavia la scoperta del mascherone di Vogogna attribuito ad un dio celtico silvestre, probabilmente Esus e il tempio di Giove, le Necropoli di Ornavasso facevano parte di un vasto tessuto lepontico di cui ancora, pur essendo affascinante rimane nascosto o derubato, evidenze che possono sollevare grandi interrogativi, partendo dal fatto che un vasto ceto prominente e guerriero nessun oggetto in oro fu trovato? Sappiamo che i nobili Celti erano fieri dei loro gioielli, Collari, bracciali, orecchini (tesoro del Gottardo - Museo Nazionale Svizzero) - trovato in una lepontica.
Mentre le numerose monete risalenti al V secolo a.C. non erano usate come merce d'acquisto ma come ex voto agli dei.